­

Forse l'Armageddon siamo Noi stessi?

duecouriMi hanno chiesto in tanti: cosa ne penso del mondo e del futuro del mondo? che domandona... Scrivo quello che penso, in pace totale interiore; forse è molto duro quello che scrivo, ma è quello che sento ora, adesso, in questo momento. Domani è un altro giorno.
E' solo una mia verità invisibile.
Io credo
che Noi tutti siamo colpevoli di quello che abbiamo voluto diventare: una società senza morale, violenta e Falsa.
Apriamo le menti: non additiamo gli altri, mettiamo tutto in discussione, tutta l'umanità, mettiamoci con l'anima nuda.
Io credo
che la verità non ce l’abbia nessuno, ma la realtà è questa che tutti vediamo. A molti non piace essere schiacciati dal materiale che leva tutto, anche la dignità di guardare i propri figli, quando non hai più niente per sfamarli.
Ho aperto questa pagina per entrare nelle anime perse, per capire a che punto è l’uomo.
In 10 mesi ho ricevuto verità tangibili di disperazione e gioia, io ho offerto solo parole di amore; la gente mi ha sempre risposto con amore incondizionato e questo mi ha stupito.
Facebook è un luogo in cui la solitudine e la rabbia la fanno da padroni in tante pagine. La società siamo noi, siamo uno specchio: non colpevolizzo neanche i gruppi di potere, complotti malvagi e la mala politica. E' male... è il loro credo.
Io credo
che chi vive nel materiale, può solo gridare alla follia di ciò su cui sto scrivendo; e ha ragione, noi siamo una specie di e ssere umano che si è adattato a questa civiltà perchè gli esseri umani hanno un naturale istinto di adattamento. Ma non si fanno nemmeno una domanda se giusto è sbagliato.
lo rispetto loro
Perché sono esseri umani che vivono il presente, ma non hanno la capacità spirituale di visualizzare il futuro delle nuove generazioni della la terra che è malata.
Lla terra sta finendo le risorse, la terra urla di disperazione.
Anche la natura ha un'anima, è in fase terminale. Io la sento, sai?
Io credo
che l’uomo giusto deve scegliere se vivere in un mondo dove il bene e il male si bilanciano.
Siamo più o meno alla resa dei conti, non ci sono altre strade. Sono finite. La scienza giusta ha dei dati climatici impressionanti di decadimento della natura negli ultimi 30 anni.
E' questione di decenni, o di più: che importa, nessuno lo può prevedere perchè non esistono profezie di verità.
Quando raggiungi una pace interiore assoluta, ti scivolano addosso anche le cose più devastanti che percepisci.
Io sono un normale uomo che si trova, un esempio difficile da spiegare, come se fosse in un tracciato di un asteroide che sta cadendo sulla terra.
Sai che puoi fare qualcosa,
perché la tua coscienza ti porta ad affermare che esiste una freccia semplice ma appuntita e colpendola nel punto giusto farà sì che l’asteroide si spezzerà in più parti. Alcune di queste cadranno sulla Terra, è inevitabile, ma la Terra potrà avere un futuro di vita. 
L'uomo giusto rappresenta la maggioranza degli uomini, è la freccia pura che può sgretolare questo ammasso di ipocrisia e falsità sulla terra; solo Dio conosce le dimensioni di questa falsità.
Provare a credere nell’impossibile, nell’amore assoluto incondizionato della maggior parte delle persone giuste che possano fare un cammino migliore.
Un cammino tale per cui se guardi i bambini e visualizzi il loro futuro nelle infinite catene di generazioni, questo sì che si chiama amore infinito, si chiama continuazione della specie e della vita. 
Io credo
che sia arrivato il momento del dialogo sincero tra esseri umani, il momento di mettere tutto in discussione.
Non parlo di politica e gruppi di potere, loro gli affari li faranno in ogni epoca e in qualsiasi caso.
La politica è uno strumento indispensabile, va fatto in modo morale come gli affari; io metto dentro tutto: religione, politica, lavoro, scienza, medicina, scienza. Tutto ma proprio tutto.
Prima dobbiamo guardarci negli occhi per capire se ci sono le condizioni e se scoccherà una scintilla, poi in un futuro dovremo riscrivere in modo sostenibile la civiltà.
Io credo
che il giorno della consapevolezza della vergogna che è diventata la civiltà contemporanea sia arrivato. Va data una data temporale.
Io non sono un politico, ma la politica giusta è una cosa seria. E' una missione seria e consapevole di conoscenza e coscienza per chi sa farla. Penso che ci siano tanti uomini onesti pronti a farlo: io sono per lo spiritualità, la base su cui deve coesistere in una civiltà,
Una civiltà senza un’anima spirituale è destinata a morire.
Tutti pilastri della nostra civiltà sono caduti.
 Io credo
solo nell'uomo giusto e nella natura in tutti gli elementi, nell'infinito amore che per me è Dio.
Come nella natura, la specie umana deve trovare un suo equilibrio. 
Un mare di soli pescecani è destinato a morire: si mangeranno a vicenda.
Un mare di soli pesciolini morirebbe: sarebbero talmente tanti che sarebbe anche per loro la fine.

Di solito il primo sabato di ogni mese sono dietro la Villa Reale di Monza: c’è un grande prato e vado a fare foto ad un edificio di foggia neoclassica, ma in cui vi si legge il recupero di un linguaggio morfologico rinascimentale.
Sai, è illuminante: se vuoi vieni, basta che non porti con te la rabbia e la furia.

Nella storia il reset del tempo della consapevolezza c’è già stato sai: tra pochi mesi sarà il 2016 che non è solo l’anno che viene, ma segna 2016 anni dall’anno zero, dall'arrivo di Gesù.
Vale per tutto il mondo: un Messia per i Cristiani, un uomo giusto che storicamente ha vissuto in Terra per chi non crede o per altri credi, da quel giorno il tempo che passa ha un significato di reset.
Anche se quasi tutti a Capodanno dimenticano durante i festeggiamenti e i brindisi di fare dei giusti auspici per il nuovo; ma anche questo è il significato del giorno di Gesù, dell'anno Zero. 
Ma questo è un'altra cosa.

Non ho riletto, quello che ho scritto.
Grazie tre volte

Grazie
R:15 +++

Roberto R15 +++
­