­

Il direttore di Equitalia

equitaliaIl Direttore di Equitalia, storia di una utopia positiva.
Un bambino bussó nell'ufficio del direttore di Equitalia.
Il direttore aprì la porta e non vide nessuno, poi guardando in basso vide un bambino con due occhi grandi e lucidi, di quelli che hanno pianto tanto. Un bambino triste...
Il direttore gli chiese: "Cosa posso fare per te, bambino?".
Lo fece accomodare davanti alla sua scrivania e il bambino gli disse:
Volevo farti 4 domande...
Il direttore gli risposte: "Certamente piccolo. Dimmi...".
Sei un uomo? E lui rispose: sì sì, tesoro.
Sei buono e giusto? ... Certamente.
Sei il migliore? Lui con superbia, aggiustandosi la cravatta e guardandosi in uno specchio, gli disse: "Sì bimbo, sono il migliore: sono il direttore".
Ok, direttore, lei che è il migliore, mi dice se condivide pienamente questa frase:
"Quando mio papà è morto, un vecchio saggio chiamato "giustizia" mi disse: Il padre è un uomo, di uomini ce ne sono tanti, scegli il migliore e seguilo. Impara e fatti guidare da lui, se è buono e giusto ti aiuterà.
Bimbo: Tu condividi questa verità?
Il direttore: Bellissima frase, la condivido molto. Se vuoi posso esserti di aiuto, sono padre e so cosa stai dicendo..bimbo 
"Grazie", rispose il bambino.
"Ora scelgo te, oggi, come uomo e guida".
Il direttore, orgoglioso, replicò con un sorriso: "Certamente bimbo... ma cosa posso fare..?".
Il bimbo: "Ti ho portato la cartella esattoriale di mia madre. Lei non può pagarla, papà non c'è più e mia mamma non ha un lavoro. Ma da oggi ho una guida che se tu, puoi donare e cancellare il debito? Ora hai la possibilità di insegnarmi la parola donare, io ti posso insegnare anche se sono piccolo la parola miseria".
Lui accettò, donare e miseria erano i primi insegnamenti.

Questa è una storia che è volutamente distante dalla realtà, ma che può rappresentare uno spunto per chi governa in qualsiasi settore. La miseria e l'ingiustizia sociale portano dolore e miseria, oltre a ferire nell'anima bambini, adulti e anziani.
Diffondiamo la luce.

Grazie
Roberto

Roberto R15 +++
­