­

Che cosa nutre la vita?

Che cosa nutre la vita?

E già,
Mio Periodo del silenzio nelle
parole in scritti .

Che cosa nutre la vita?

Ritrovare un nuovo legame tra silenzio e parola

«Non di solo pane vive l’uomo ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio» (Mt 4,4)

Una buona dieta richiede anzitutto una giusta alimentazione. Come dicevano i nostri vecchi, "il miglior condimento è la fame" e così, per apprezzare la parola, occorre partire da periodo di silenzio.
Quello che serve è una giusta alternanza, il ritmo di silenzio e parola, così come di fame e cibo; insieme sono il principio per rieducare il gusto, soprattutto quando si è distorto. Così fa Dio, che per far apprezzare la parola manda la fame, tace, si sottrae, ci parla con il suo silenzio. « Ecco, verranno giorni - oracolo del Signore Dio - in cui manderò la fame nel paese; non fame di pane né sete di acqua, ma di ascoltare le parole del Signore» (Am 8,11)
Parliamo di "ritmo" di silenzio e parola e quindi uno "non senza l’altro". «Il silenzio appartiene alla parola e reciprocamente. Scegliere, acconsentire, al silenzio così inteso – cioè scegliere, acconsentire che le nostre parole affondino le radici nel silenzio e si trascendano, dopo essere state dette, nella comunicazione silenziosa e totale –, significa acconsentire alla nostra finitezza di umani come simbolica di Dio

La malattia, il disgusto, la perdita dell’umano cominciano con la separazione del silenzio dalla parola e della parola dal silenzio. Un silenzio muto e una parola sorda esprimono bene lo stato autistico cui oggi è esposto l’umano.
Il silenzio non è più una soglia, un passaggio alla parola e la parola non ha più radici nel mistero indicibile; tutto è ridotto ad un tragico equivoco per cui il silenzio non dice nulla e la parola non lascia spazio all’indicibile, non introduce al mistero, ma lo vuole esaurire.
Per questo stiamo male, non riusciamo a fare silenzio e non troviamo parole se non quelle assordanti che riempiono un vuoto insopportabile.

-----\\\_____

Scritto n.26 .2017
Roberto
Grazie
Marzo 19 2017

­